Newsletter n. 9/2011

Notizie, informazioni e aggiornamenti sull'attività dei settori Istruzione, Formazione e Lavoro del Circondario Empolese Valdelsa

Supplemento al n. 33 del periodico "Circondario Eventi" - Reg. Trib. di Firenze n. 5114 del 29.10.2001 - anno X.
Proprietario ed editore: Circondario Empolese Valdelsa - Piazza della Vittoria, 54 - 50053 Empoli (FI).
Direttore responsabile: Salvatore Lagaccia.
Fonte delle notizie: Amministrazioni Comunali.

"Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere. " - Gandhi

Archivio Newsletters

Newsletter n. 9 - Settembre 2011


Notizie dall'Ufficio Istruzione:

1. L'ANNO SCOLASTICO 2011-2012: ALCUNI DATI NUMERICI
Con l'avvio del nuovo anno scolastico, cogliamo l'occasione per illustrare alcuni dati significativi relativi agli Istituti superiori del nostro territorio.
Gli studenti iscritti sono 7.769 (esclusi i corsi serali), distribuiti su 324 classi, in salita rispetto ai 7.250 studenti per 321 classi dell'anno passato: si è avuto quindi un incremento di 519 studenti ma solo di 3 classi e la media per classe è passata da 22,5 a 23,9.
Il totale degli studenti della Provincia di Firenze è di 28.215 unità e gli studenti del Circondario ne rappresentano il 20,33%.
Infine, merita un'accenno l'incremento numerico che si è verificato sul nostro territorio a partire dal 2000, con ben 2.862 studenti e 91 classi in più nel periodo preso in esame.

2. OFFERTA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, ANNO 2011-2012
Il Sistema Regionale di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) prende avvio dall'anno scolastico e formativo 2011-2012, dopo un lungo iter normativo e di confronto tra i soggetti istituzionali e le parti economiche e sociali interessate.
L'evoluzione della normativa nazionale di riferimento ha portato alla necessità di ridefinire l'architettura del Sistema Regionale in coerenza con le scelte strategiche adottate dalla Regione Toscana nell'attuale fase transitoria di attuazione della riforma del secondo ciclo di istruzione e formazione professionale.
Alcuni elementi chiave della normativa nazionale hanno, quindi, delineato il quadro di riferimento per la definizione del Sistema e per l'integrazione tra il sistema dell'Istruzione (in particolare dell'Istruzione Professionale) e il sistema regionale della formazione professionale.
In particolare, il decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito con modificazioni nella legge 2 aprile 2007, n. 40 e, in particolare, l'articolo 13, comma 1-quinques prevede l'emanazione di apposite linee guida nazionali, al fine di realizzare organici raccordi tra i percorsi degli istituti tecnico-professionali e i percorsi di istruzione e formazione professionale finalizzati al conseguimento di qualifiche e diplomi professionali, di competenza delle regioni, compresi in un apposito repertorio nazionale. Con l'intesa in Conferenza Unificata del 16 dicembre 2010, recepita con Decreto del MIUR n. 4 del 18 gennaio 2011, vengono approvate tali Linee guida, che indicano, tra l'altro, elementi utili per la stipula degli accordi tra le Regioni e gli Uffici Scolastici Regionali.
Un altro passaggio rilevante per l'attuazione della riforma è stato rappresentato dall'approvazione del D.P.R. 15 marzo 2010 n. 87 "Regolamento recante norme concernenti il riordino dell'istruzione professionale", che, all'art. 2, comma 3, prevede che gli Istituti professionali possano svolgere, in regime di sussidiarietà e nel rispetto delle competenze esclusive delle Regioni in materia, un ruolo integrativo e complementare rispetto al sistema di Istruzione e Formazione Professionale, di cui al capo III del D.Lgs. n. 226/2005, ai fini del rilascio delle qualifiche e dei diplomi professionali inclusi in un repertorio nazionale previsto dall'art. 13 della citata Legge n. 40/2007. Tali qualifiche sono state definite con Accordo Stato-Regioni del 29 aprile 2010, riguardante il primo anno di attuazione dell'anno scolastico e formativo 2010-2011 dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale a norma dell'art. 27, comma 2 del D.Lgs. n. 226/2005.
Per maggiori informazioni, si rinvia all'apposita sezione del sito della Regione Toscana.

Notizie dall'Ufficio Formazione:

1. P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013. AVVISO PER PROGETTI FORMATIVI: SCADENZA DEL 30 SETTEMBRE 2011
Si ricorda che alle ore 13 del 30 settembre 2011, scade l'avviso pubblico per il finanziamento di progetti formativi, a valere sugli assi I, II, III e IV del P.O.R. Obiettivo 2 2007-2013.
Le risorse disponibili ammontano a 473.472 euro.
L'avviso e la modulistica sono reperibili nella sezione Bandi & graduatorie del sito dell'Ufficio Formazione Professionale, unitamente alle domande più frequenti con le relative risposte.

2. P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013 - AVVISO PUBBLICO PER L'INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI PARTNER PER L'EVENTUALE GESTIONE IN ATS DI PROGETTI TRANSNAZIONALI E INTERREGIONALI: SCADENZA DEL 13.10.2011
Con determinazione n. 284 del 23.09.2011, è stato approvato l'avviso pubblico per l'individuazione di soggetti partner per l'eventuale gestione in ATS di progetti transnazionali e interregionali. La scadenza per la presentazione delle candidature è fissata alle ore 13 del 13 ottobre 2011. L'avviso e la relativa modulistica sono disponibili nella sezione Bandi e graduatorie del sito dell'Ufficio Formazione Professionale.

3. BANDO P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013, VOUCHER PER PERSONE OCCUPATE E LAUREATE: APERTA LA SCADENZA DEL 31.10.2011
Con determinazione dirigenziale n. 578 del 26.09.2011, il Circondario Empolese Valdelsa ha pubblicato il Bando P.O.R. Obiettivo 2 2007-2013, voucher individuali, per il finanziamento di interventi di formazione individuali per persone occupate (asse I) e persone laureate (asse IV).
Le risorse disponibili sono pari a Euro 40.000 suddivise come di seguito specificato:
  • Asse I: Euro 18.000;
  • Asse IV: Euro 22.000.
La prossima scadenza per la presentazione dei voucher individuali è fissata alle ore 13 del 31 Ottobre 2011. Il testo del bando e i relativi allegati sono disponibili nella sezione Bandi & Graduatorie del sito dell'Ufficio Formazione Professionale.
Le risposte più frequenti alle domande sul bando potranno essere consultate nella sezione F.A.Q. del sito dell'Ufficio Formazione Professionale.

4. AVVISO PER ATTIVITÀ RICONOSCIUTA-ASSENTITA (art. 17, c. 1, lett. B, L.R. 32/2002 e s.m.i): SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE IL 31 OTTOBRE 2011
Con determinazione n. 282 del 23.09.2011, è stato modificato l'Avviso pubblico per attività formative riconosciute, ai sensi dell'art. 17, comma 1, lett. b) della L.R. n. 32/2002. Il termine per la presentazione delle richieste di riconoscimento è fissato alle ore 13 del 31 ottobre 2011.
Si ricorda inoltre che sono previste tre scadenze annuali per la presentazione delle domande di riconoscimento dei percorsi formativi: 31 Gennaio, 31 Maggio e 31 Ottobre.
Il bando è reperibile nella sezione Bandi & graduatorie del sito dell'Ufficio Formazione Professionale, come pure le risposte alle domande più frequenti.

5. BANDO P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013, BANDO A SPORTELLO, ASSE II: APPROVATA LA GRADUATORIA DEI VOUCHER FINANZIATI ALLA SCADENZA DEL 31.08.2011
Con determinazione n. 267 del 14.09.2011, è stata approvata la graduatoria dei beneficiari di voucher formativi sul bando a sportello P.O.R. Obiettivo 2 2007-2013 del 31.08.2011 per persone disoccupate (asse II).
La graduatoria è visibile nella sezione Bandi e graduatorie del sito dell'Ufficio Formazione Professionale.

6. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI CORSI I.F.T.S. 2011-2012: MODIFICATO L'AVVISO DEL 30 SETTEMBRE 2011
Con decreto n. 3672 del 08.09.2011, la Regione Toscana ha rettificato l'avviso pubblico per la presentazione dei progetti per i corsi di istruzione e formazione tecnica superiore (I.F.T.S.), per gli anni 2011-2012. In particolare, con effetto sulla programmazione del Circondario Empolese Valdelsa, è stata corretta con l'inserimento della figura regionale "Responsabile delle attività di analisi, progettazione e aggiornamento di sistemi informativi" la corrispondenza con la figura nazionale di "Tecnico superiore per i sistemi e le tecnologie informatiche".
La scadenza per l'invio dei progetti resta confermata alle ore 13 del 30 Settembre 2011. Le risorse disponibili complessive ammontano a Euro 2.640.000,00.
Il testo del bando e i relativi allegati sono disponibili sul sito della Regione Toscana.

Notizie dall'Ufficio Politiche del Lavoro:

1. AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER I GIOVANI CHE HANNO ASSOLTO L'OBBLIGO DI ISTRUZIONE E SONO FUORIUSCITI DAL SISTEMA SCOLASTICO: SCADENZA DEL 30 SETTEMBRE 2011
Con determinazione n. 232 del 28.07.2011, è stato approvato l'Avviso pubblico per la presentazione di progetti formativi per i giovani che hanno assolto l'obbligo di istruzione e sono fuoriusciti dal sistema scolastico (drop-out), finalizzati all'acquisizione di una qualifica professionale nell'ambito del sistema regionale della formazione professionale.
Le domande complete di tutti i documenti allegati richiesti dovranno essere presentate entro le ore 13 del 30 settembre 2011.
Le risorse disponibili sono pari a Euro 670.000.
L’avviso e gli allegati sono visibili nella sezione "Bandi & graduatorie" del sito dell'Ufficio Politiche del Lavoro.

2. BANDO P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013 PER L'ASSEGNAZIONE DI INCENTIVI ALLE IMPRESE: SCADENZA DEL 30 SETTEMBRE 2011
Per la scadenza del prossimo 30 settembre, le risorse a concorso sul Bando P.O.R. Obiettivo 2 2007-2013 per l'assegnazione di incentivi alle imprese per l'assuzione/stabilizzazione di personale, ammontano a 8.000 euro, a valere sull'asse III (soggetti svantaggiati).
L'avviso e la relativa modulistica sono disponibili nella sezione Bandi & graduatorie del sito dell'Ufficio Politiche del Lavoro.

3. CARTA DEI TIROCINI E STAGE DI QUALITÀ: NOVITÀ NORMATIVE
Per offrire ai giovani la possibilità di prepararsi al mondo del lavoro con un'adeguata formazione, la Regione Toscana cofinanzia tirocini e stage presso le imprese, con borse di studio (a titolo di rimborso spese) di almeno 400 euro mensili. Di questi, 200 sono a carico della Regione Toscana.
I tirocini formativi e di orientamento sono regolati dalla D.G.R. n. 710/2011, che ha novellato la precedente D.G.R. n. 339/2011, che è stata in ultimo modificata a seguito dell'emanazione del D.L. n. 138/2011, il cui art. 11, rubricato "Livelli di tutela essenziali per l'attivazione dei tirocini", ha prodotto le seguenti principali variazioni alla "Carta dei tirocini e stage di qualità in Regione Toscana":
  • definizione di tirocinio: l'espressione "persona in cerca di lavoro" deve essere interpretata come neo-diplomati, neo-laureati, disabili, invalidi fisici, psichici e sensoriali, soggetti in trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti, condannato ammessi a misure alternative di detenzione;
  • modalità di applicazione: in aggiunta a quelle previste, il tirocinio può essere attivato entro e non oltre dodici mesi dal conseguimento del titolo di studio, esclusivamente nel caso dei neo-diplomati e neo-laureati;
  • durata: la durata del tirocinio non può essere superiore a 6 mesi, proroghe comprese.
Rimane invece invariata la restante disciplina di cui alla D.G.R. n. 710/2011; in particolare, il rimborso regionale della borsa di studio, l'incentivo all'assunzione e le condizioni per accedervi (condizione professionale, età e corresponsione della borsa di studio), nonché le deroghe previste nei confronti di coloro che rientrano nelle categorie previste dalla Legge n. 68/99 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili".
Per maggiori informazioni, si rimanda al sito del progetto Giovani Sì.

Logo del Centro per l'Impiego Notizie dai Servizi per l'Impiego - Offerte di lavoro:

1. IMPRESE AL CENTRO: IL 26 OTTOBRE L'INDUSTRIA TESTI AL CENTRO PER L'IMPIEGO DI EMPOLI
Il prossimo 26 ottobre, alle ore 16, nel quadro delle iniziative "Imprese al Centro", l'Industria Testi SpA incontra giovani, studenti e lavoratori al Centro per l'Impiego di Empoli.
Parteciperà per la ditta Testi il dott. Stefano Giovanelli, responsabile di stabilimento dell'azienda empolese, che illustrerà le caratteristiche del gruppo, il mercato e le figure professionali richieste, oltre a rispondere alle domande e agli interventi della platea.
Sarà inoltre presente Riccardo Sgherri dell'Osservatorio del Mercato del Lavoro del Circondario Empolese Valdelsa, che relazionerà sulle dinamiche occupazionali nel Circondario.
Coordina l'iniziativa Daniele Terenzi, esperto del Mercato del Lavoro.
Il programma dell'iniziativa è scaricabile in formato elettronico dalla sezione Imprese al Centro del sito dell'Ufficio Politiche del Lavoro.

Notizie dalla Referente di Parita':

1. CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO: ALLA TOSCANA QUASI 2 MILIONI E MEZZO DI EURO
Ripartita tra le Regioni la somma messa a disposizione dal Dipartimento delle pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, per promuovere un sistema di interventi per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Dei 40 milioni di euro complessivi, alla Toscana ne sono stati assegnati quasi 2 milioni e mezzo, che serviranno per dare attuazione a cinque linee di intervento.
Lo stanziamento fa parte dell'Intesa ministeriale approvata il 29 aprile 2010 dalla Conferenza unificata delle Regioni, con l'obiettivo di supportare lo sviluppo di servizi di cura alla persona e favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Complessivamente tra Regioni e Province autonome sono stati ripartiti 40 milioni di euro; la quota toscana è di 2.439.868 euro.
La suddivisione dei 40 milioni è avvenuta secondo criteri di tipo demografico, sociale ed economico: popolazione residente tra 0 e 3 anni, tasso di occupazione femminile per la fascia di età compresa tra i 15 e i 49 anni, tasso di disoccupazione per la fascia di età compresa tra i 15 e i 49 anni, percentuale di congedi parentali usufruiti dalle madri.
Secondo il Programma attuativo, 500 mila euro saranno impiegati per l'apertura di nuovi servizi educativi sul territorio regionale (asili nido o altri servizi per l'infanzia pubblici o provati) o il potenziamento di servizi esistenti, tramite la realizzazione di sezioni aggiuntive nella fascia di età compresa 24-36 mesi. Altri 500 mila euro serviranno per sostenere l'accesso ai servizi educativi di prima infanzia privati, attraverso voucher di conciliazione. 916 mila euro verranno destinati al Fondo regionale per la non autosufficienza, per dare sostegno a quelle persone (nella maggioranza donne) che assistono l'anziano a domicilio. 24 mila euro permetteranno di realizzare un percorso formativo per il rientro a lavoro, dopo lunghe assenze, dei dipendenti regionali. Infine, con un altro mezzo milione di euro, saranno incrementate le misure di sostegno a favore di lavoratrici occupate in aziende colpite dalla crisi: sono previsti contributi di 3.000 euro alle imprese per ogni assunzione a tempo indeterminato part-time di donne over 30 disoccupate e di 2.000 euro per ciascuna assunzione di giovani laureate con contratti part-time della durata minima di 12 mesi.
Sul sito della Regione Toscana, è visibile il commento dell'assessore al Welfare Salvatore Allocca.

Logo del Fondo sociale europeo
Logo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Logo del Regione Toscana
Logo del Fondo Sociale Europer Programma Operativo Regione Toscana
Valid XHTML 1.1! Valid CSS!