Newsletter n. 10/2014

Notizie, informazioni e aggiornamenti sull'attività dei settori Istruzione, Formazione e Lavoro del Circondario Empolese Valdelsa

Supplemento al n. 33 del periodico "Circondario Eventi" - Reg. Trib. di Firenze n. 5114 del 29.10.2001 - anno X.
Proprietario ed editore: Circondario Empolese Valdelsa - Piazza della Vittoria, 54 - 50053 Empoli (FI).
Direttore responsabile: Salvatore Lagaccia.
Fonte delle notizie: Amministrazioni Comunali.

"L'errore avviene in molti modi (infatti il male è proprio dell'infinito, come raffigurano i Pitagorici, mentre il bene è proprio del finito), mentre l'esser retti avviene in un sol modo " - Aristotele

Archivio Newsletters

Newsletter n. 10 - Novembre 2014


Notizie dall'Ufficio Istruzione:

1. UNIVERSITÀ, BOOM DI RICHIESTE DI BORSE DI STUDIO
Più trasferimenti dalla Regione Toscana all'Azienda per il Diritto allo Studio Universitario sulle borse di studio 2014-15: lo stanziamento ulteriore (5 milioni e 250 mila euro), che si aggiunge agli oltre 48 milioni già trasferiti, è stato deciso per venire incontro al maggior numero di richieste che si è verificato alla chiusura delle domande. «Un aumento notevole, sottolinea l'Assessore regionale Emmanuele Bobbio, specie in momenti così difficili per la nostra finanza: un segnale significativo che come governo regionale abbiamo deciso di raccogliere sapendo che il diritto allo studio si tutela e si garantisce proprio anche grazie al sostegno erogato dalle borse, insieme ai servizi di mensa e di alloggio».
Al 10 ottobre, termine fissato per la scadenza delle domande, nelle tre sedi DSU (Firenze, Pisa, Siena) sono pervenute 20.614 domande con un incremento di 4.298 (+ 26%) rispetto al 2013, quando i richiedenti furono 16.316.
Continua Bobbio: «Noi crediamo a una idea alta di sviluppo basata su un capitale umano altamente qualificato e sul sostegno allo sviluppo tecnologico: investire sui giovani meritevoli e garantire loro la possibilità di studiare in modo sereno, è fattore determinante per migliorare le prospettive del futuro delle ragazze e dei ragazzi, obiettivo al quale stiamo lavorando con profonda attenzione insieme con le Istituzioni locali e le Università».
Gli studenti vincitori di borsa otterranno l'esonero dal pagamento delle tasse universitarie e della tassa regionale per il diritto allo studio, un contributo monetario, l'accesso gratuito alle mense universitarie e, nel caso di iscritti fuori sede, l'assegnazione sempre gratuita di un alloggio fra gli oltre 4.000 che il DSU Toscana gestisce nelle residenze pubbliche ubicate nelle varie sedi universitarie della regione.

Notizie dall'Ufficio Formazione:

1. IL PROSSIMO 5 DICEMBRE, A LIVORNO, CONVEGNO SUL FONDO SOCIALE EUROPEO
Il 5 dicembre 2014 si terrà a Livorno, presso il Centre Pancaldi di viale Italia, 56, l'evento annuale del P.O.R. 2007-2013 del Fondo Sociale Europeo.
L'incontro, oltre ad essere l'appuntamento annuale di presentazione dei risultati del Programma, costituisce un momento di approfondimento e confronto sul ruolo del FSE come strumento fondamentale per il finanziamento delle azioni dei fondi strutturali 2014-2020.
Saranno illustrati gli interventi co-finanziati in materia di inclusione sociale, istruzione, ricerca, lavoro e formazione. Introducono i lavori l'assessore regionale alle Attività produttive, credito e lavoro Gianfranco Simoncini e l'assessore regionale alla Scuola, formazione, ricerca e università Emmanuele Bobbio. Le conclusioni sono affidate al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.
Per maggiori dettagli, si rimanda al sito della Regione Toscana.

2. CORSI DI FORMAZIONE RICONOSCIUTI EX ART. 17, COMMA 1, LETT. B) L.R. N. 32/2002: MODIFICATI GLI INDIRIZZI REGIONALI
Con la D.G.R. n. 1005/2014, la Regione Toscana ha approvato delle modifiche agli "Indirizzi per la gestione delle attività formative riconosciute", in origine adottati con la D.G.R. n. 48/2012.
Le variazioni concernono i seguenti punti:
  • l'avviso non ha una più una validità prefissata, ma sarà modificato nel caso in cui subentrino cambiamenti negli indirizzi regionali;
  • le agenzie formative possono pubblicizzare i corsi riconosciuti solo dopo aver ricevuto la comunicazione di riconoscimento e aver sottoscritto l'atto unilaterale di impegno;
  • le azioni formative devono iniziare entro 12 mesi dalla data di riconoscimento, salvo adeguata richiesta di proroga per ulteriori 12 mesi da inviare all'Amministrazione competente da parte dell'agenzia formativa. Se l'attività non parte nei termini prescritti, il riconoscimento decade automaticamente.
Nella sezione dedicata del sito internet dell'Ufficio Formazione professionale, si trova il testo aggiornato della deliberazione regionale.

3. D.G.R. n. 726/2014 SU TECNICO MECCATRONICO DELLE AUTORIPAZIONI: DECADENZA DELLE VECCHIE FIGURE PROFESSIONALI
Come già riportato in precedenza, con la D.G.R. n. 726 del 01.09.2014, la Regione Toscana ha approvato gli Indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione obbligatoria per Tecnico meccatronico delle autoriparazioni e successivamente inserito nel Repertorio regionale delle figure professionali la scheda descrittiva del relativo percorso formativo, in coerenza con la Legge n. 122/1992 e con l'Accordo Stato-Regioni del 12 giugno 2014.
Adesso, con la circolare n. 280747 del 14.11.2014, il settore Formazione e Orientamento precisa che gli atti sopra citati rendono non più coerenti con la normativa vigente le figure di "Addetto alla riparazione di autoveicoli e autoarticolati" e di "Addetto all'installazione, manutenzione e riparazione di apparecchi elettrici ed elettronici di auto, moto, camion e bus", che saranno a breve annullati da uno specifico decreto.
La Regione Toscana invita le Amministrazioni a non riconoscere o attivare corsi post-obbligo riguardanti le due figure in fase di decadenza. Eventuali corsi già partiti, dovranno essere riprogettati. Al contrario, i progetti riguardanti la figura di "Addetto alla riparazione di autoveicoli e autoarticolati" nell'ambito dei percorsi IeFP, proseguono fino all'imminente modifica degli indirizzi IeFP, che dovranno stabilire la correlazione fra la figura nazionale di "Operatore alla riparazione" con il nuovo "Tecnico meccatronico delle autoriparazioni".

4. P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013: MODIFICATO IL PROVVEDIMENTO ATTUATIVO DI DETTAGLIO
Con la D.G.R. n. 957 del 03.11.2014, la Regione Toscana ha apportato delle modifiche al "Provvedimento attuativo di dettaglio del P.O.R. Obiettivo 2 F.S.E. 2007-2013".
Il testo completo del documento è disponibile in formato elettronico nella sezione Normativa del sito internet dell'Ufficio Formazione professionale.

Notizie dall'Ufficio Politiche del Lavoro:

1. SERVIZIO CIVILE: APERTE LE ISCRIZIONI ALL'ALBO REGIONALE
La Regione Toscana, con Decreto n. 4672 del 23 ottobre 2014, ha emanato l'Avviso per la presentazione di domande di iscrizione all'albo degli enti di Servizio Civile regionale e di istanze di variazione da parte di enti già iscritti all'albo suddetto.
Le domande di iscrizione e delle istanze di variazione possono essere presentate fino al 5 dicembre 2014.
Possono presentare domanda di iscrizione gli enti in possesso dei requisiti previsti dalla normativa regionale e riportati sull'avviso.
Le istanze di variazione possono essere presentate esclusivamente dagli enti già iscritti all'albo degli enti di Servizio civile regionale che vogliono modificare una delle figure indicate in fase di iscrizione o adeguamento (coordinatore di progetti, responsabile del servizio civile regionale), cancellare sedi di attuazione di progetto precedentemente iscritte o accreditare nuove sedi, passare a una diversa categoria rispetto a quella a cui è stato iscritto.
Per maggiori dettagli, si rimanda alla pagina dedicata del progetto GiovaniSì.

2. VIA LIBERA DALLA GIUNTA REGIONALE AI PROGRAMMI FSE E FESR
Oltre un miliardo e mezzo di risorse destinate in buona parte al sistema produttivo, alla crescita sostenibile e all'occupazione dei giovani della Toscana. È questo il contenuto dei due programmi operativi, sia del Fondo Sociale Europeo che del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale per il periodo 2014-2020, ai quali la Giunta regionale ha dato il via libera.
«Abbiamo fatto uno sforzo, spiega l'Assessore alle attività produttive credito e lavoro Gianfranco Simoncini, in modo da riuscire a sfruttare al meglio questa che costituisce, per la Toscana, la principale opportunità e la più forte leva di sviluppo di qui ai prossimi anni. Parliamo di 792 milioni di euro per quanto riguarda il FESR e di 732 milioni per il FSE, in tutto oltre 1 miliardo e mezzo in sette anni. È questo il motivo che ci ha spinto, unica regione italiana, ad anticipare con 82 milioni di nostre risorse l'arrivo effettivo dei fondi, cosa che ci ha permesso di mettere subito in cantiere interventi su ricerca, sviluppo e altro, che puntano ad aiutare le imprese a investire sulla propria competitività. Oltre alle risorse per le imprese, l'anticipazione ha permesso di attivare, oltre alla gestione e al funzionamento di servizi per il lavoro, interventi innovativi, come quello per il coworking, il rifinanziamento degli incentivi per i soggetti svantaggiati, il rafforzamento dei percorsi universitari in collegamento con il mondo del lavoro. La Toscana ha fatto precise scelte di campo, orientando interventi e risorse nei settori individuati come trainanti dello sviluppo».

Logo del Centro per l'Impiego Notizie dai Servizi per l'Impiego - Offerte di lavoro:

1. IL 16 GENNAIO 2015, A FIRENZE, CONVEGNO SULLE PROFESSIONI INTELLETTUALI
Il 16 gennaio 2015 si terrà a Firenze, presso l'Auditorium di Sant'Apollonia, via San Gallo 25/a, il convegno "Il mondo delle professioni intellettuali una risorsa per lo sviluppo del paese nel contesto europeo", organizzato dalla "Commissione regionale dei soggetti professionali", nell'ambito del P.O.R. 2007-2013 del Fondo Sociale Europeo.
Ad introdurre, i lavori l'assessore alle Attività produttive, Credito e Lavoro Gianfranco Simoncini, mentre il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, chiuderà il convegno.
Per maggiori dettagli e per prenotare gli interventi durante il dibattito, si rimanda al sito della Regione Toscana.

Notizie dalla Referente di Parita':

1. BANCA DEI SAPERI: ADESIONI IN CRESCITA
La Banca dei saperi delle donne continua a farsi conoscere sul territorio regionale, grazie alla Commissione Pari opportunità, che ha presentato la vetrina istituzionale dedicata alle competenze al femminile al coordinamento donne della Filt Cgil, la Federazione lavoratori trasporti.
Un incontro all'insegna della condivisione e soprattutto dell'iscrizione a una Banca, che guarda alle professionalità in rosa, "ma soprattutto come strumento innovativo di opportunità per colmare il divario nelle condizioni di genere, a partire dalle occasioni di lavoro", come ha sottolineato la presidente della Commissione Rossella Pettinati. Da qui l'impegno continuo della Commissione nel far conoscere e funzionare questa particolare Banca, creata «per poter passare dalla teoria alla pratica, dai principi enunciati alla concretezza delle azioni positive».

Logo del Fondo sociale europeo
Logo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Logo del Regione Toscana
Logo del Fondo Sociale Europer Programma Operativo Regione Toscana
Valid XHTML 1.1! Valid CSS!