Newsletter n. 4/2015

Notizie, informazioni e aggiornamenti sull'attività dei settori Istruzione, Formazione e Lavoro del Circondario Empolese Valdelsa

Supplemento al n. 33 del periodico "Circondario Eventi" - Reg. Trib. di Firenze n. 5114 del 29.10.2001 - anno X.
Proprietario ed editore: Circondario Empolese Valdelsa - Piazza della Vittoria, 54 - 50053 Empoli (FI).
Direttore responsabile: Salvatore Lagaccia.
Fonte delle notizie: Amministrazioni Comunali.

"Non sono particolarmente interessato a guadagnare tempo: preferisco goderlo" - Eduardo Galeano

Archivio Newsletters

Newsletter n. 4 - Aprile 2015


Notizie dall'Ufficio Istruzione:

1. NUOVO AVVISO REGIONALE PER LE BORSE DI STUDIO «PEGASO»: SCADENZA DEL 15 MAGGIO 2015
Con il decreto n. 1482 del 26 marzo 2015 è stato adottato l'avviso per il finanziamento di 80 borse di studio Pegaso per la frequenza di corsi di dottorato dell'anno accademico 2015-16. L'intervento è ricompreso nel progetto regionale GiovaniSì e mette a concorso 4.320.000 euro, tratti dal Fondo Sociale Europeo 2014-2020.
L'avviso si propone di sostenere l'accesso di giovani laureati under 35 a corsi di dottorato internazionali realizzati dalle Università, in partenariato fra loro e con il coinvolgimento di istituti di ricerca, imprese pubbliche e private.
I progetti di dottorato possono essere presentati dalle Università e dagli Istituti universitari a ordinamento speciale.
La scadenza per la presentazione dei corsi di dottorato da finanziare è fissata al 15 maggio 2015.
Le domande devono essere inviate alla Regione Toscana, Settore DSU e sostegno alla ricerca, tramite PEC all'indirizzo regionetoscana@postacert.toscana.it.
La graduatoria dei corsi di dottorato finanziati sarà approvata entro il 15 luglio 2015.
Per maggiori informazioni, si rimanda all'indirizzo altaformazioneuniversitaria@regione.toscana.it,
all'ufficio GiovaniSì (info@giovanisi.it; numero verde: 800098719) o alla pagina dedicata.

Notizie dall'Ufficio Formazione:

1. APPROVATO L'ELENCO DEI CORSI RICONOSCIUTI EX ART. 17, COMMA 1, L.R. N. 32/2002: SCADENZA DEL 31 MARZO 2015
Con la determinazione n. 364 del 24.04.2015, è stato approvato l'elenco dei corsi riconosciuti alla scadenza del 31 marzo 2015, ai sensi dell'art. 17, comma 1, lett. b) della L.R. n. 32/2002.
Si ricorda che, ai sensi della novellata D.G.R. n. 48/2012, le azioni formative devono iniziare entro 12 mesi dalla data di riconoscimento, salvo adeguata richiesta di proroga per ulteriori 12 mesi da inviare a questo Ente da parte dell'agenzia formativa. Se l'attività non parte nei termini prescritti, il riconoscimento decade automaticamente.
Le agenzie formative possono pubblicizzare i corsi riconosciuti solo dopo aver ricevuto la comunicazione di riconoscimento e aver sottoscritto l'atto unilaterale di impegno e possono realizzare più edizioni dei corsi approvati, a condizione di darne comunicazione a questa Amministrazione almeno 10 giorni prima dell'avvio, trasmettendo contestualmente il calendario dettagliato delle attività e tutte le informazioni indicate nella D.G.R. n. 1179/2011.
Si rammenta altresì che con lo stesso provvedimento sono state richieste alle agenzie interessate le integrazioni alla documentazione presentata alla scadenza di cui trattasi. Qualora la procedura conduca all'accoglimento delle sottostanti domande di riconoscimento, sarà adottato un successivo atto autorizzatorio.
Nell'apposita sezione del sito internet dell'Ufficio Formazione professionale, è consultabile l'elenco completo dei corsi riconosciuti.

2. P.O.R. OBIETTIVO 2 2007-2013: RACCOMANDAZIONE AI SOGGETTI ATTUATORI ALLO SCOPO DI ACCELERARE LA LIQUIDAZIONE DEI FINANZIAMENTI DOVUTI
Con la D.G.R. n. 738/2014, recante gli indirizzi per la chiusura del P.O.R. Obiettivo 2 2007-2013, la Regione Toscana ha emanato le disposizioni per la chiusura del P.O.R. Obiettivo 2 2007-2013, fissando al 31 dicembre 2015 il termine ultimo per l'erogazione dei pagamenti a favore dei soggetti attuatori.
Allo scopo di accelerare la spesa dei fondi, questa Amministrazione raccomanda ai soggetti attuatori di presentare le richieste di pagamento anche quando gli importi relativi non dovessero essere almeno pari al 25% dell'importo complessivo finanziato, diversamente da quanto indicato nelle convenzioni di progetto nella parte riferita alle modalità di pagamento.

3. SUL SITO DELLA REGIONE TOSCANA, UNA SEZIONE DEDICATA AI CORSI DI FORMAZIONE E ALLE ABILITAZIONI RELATIVE AI PRODOTTI FITOSANITARI
A seguito del recepimento della Direttiva n. 2009/128/CE, il sistema di formazione di base e di aggiornamento, per utilizzatori e distributori di prodotti fitosanitari in essere fino al 26 novembre 2014, in base al quale venivano rilasciati i "patentini" per l'acquisto e l'utilizzazione di prodotti fitosanitari "molto tossici", "tossici" e " nocivi", è stato adeguato alla nuova normativa per quanto riguarda la figura dell'utilizzatore professionale e del distributore ed è stato attivato un nuovo sistema formativo e di certificazione analogo per la figura del consulente, che non era previsto dalla precedente normativa nazionale, ora riunita nel Piano d'Azione Nazionale.
In considerazione delle notevoli novità normative, la Regione Toscana ha realizzato una pagina dedicata sul proprio sito internet, dove è possibile trovare tutte le informazioni relative ai corsi di formazione obbligatori e alle abilitazioni per l'esercizio delle diverse professioni.

4. FATTURAZIONE ELETTRONICA: ISTRUZIONI PER GLI ENTI BENEFICIARI DI FINANZIAMENTI DEL SETTORE FORMAZIONE E LAVORO
Si comunica che dal 31 marzo 2015 compreso, tutti i fornitori dovranno produrre nei confronti di questa Amministrazione esclusivamente fatture elettroniche, nel rispetto delle specifiche tecniche emanate dal Governo (ex D.M. 3 aprile 2013 n. 55, Trasmissione e ricevimento delle fatture elettroniche da applicarsi alle P.A, successive modifiche ed integrazioni).
Dopo la data sopra indicata, eventuali fatture in formato non elettronico non potranno essere accettate, né pagate dall'Ente scrivente (art. 6, D.M. n. 55/2013). Si rammenta che non sottostanno alla disciplina della fatturazione elettronica, gli occasionali, i soggetti non titolari di partita IVA e le operazioni fuori dal campo di applicazione dell'IVA. In questi casi, continua a valere l'invio cartaceo anche dopo il 30 marzo 2015.
Per il Codice Univoco da riportare sulle fatture o analoghi titoli di credito relativi alle materie della Formazione e del Lavoro, si rimanda alla circolare esplicativa.

Notizie dall'Ufficio Politiche del Lavoro:

1. APPROVATO L'AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI 708 GIOVANI IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NEL QUADRO DI «GARANZIA GIOVANI»: SCADENZA ALL'8 MAGGIO 2015
Con il decreto dirigenziale n. 1208 del 17.03.2015, è stato approvato l'avviso pubblico per la selezione di 708 giovani da impiegare in progetti di servizio civile, finanziati con i fondi europei destinati al programma Garanzia Giovani: la scadenza per la presentazione delle domande è fissata all'8 maggio 2015.
Alla data di presentazione della domanda, i/le candidati/e devono:
  • essere regolarmente residenti in Italia;
  • avere un'età compresa fra i 18 ed i 29 anni (quindi chi non ha ancora compiuto il 30° anno, ovvero 29 anni e 364 giorni);
  • essere registrati/e al programma Iniziativa Occupazione Giovani in data anteriore a quella di presentazione della domanda;
  • essere in possesso del Patto di Servizio firmato con il Centro per l'Impiego;
  • essere inoccupato o disoccupato ai sensi del D.Lgs. n. 181/2000 e successive modificazioni ed integrazioni; la richiesta di ammissione al programma Garanzia Giovani equivale alla dichiarazione di disponibilità al lavoro prevista dall'art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 181/2000 e successive modificazioni ed integrazioni);
  • non frequentare un percorso di istruzione o formazione, ovvero non essere iscritti/e a un regolare corso di studi (secondari superiori o universitari) o di formazione;
  • essere in possesso di idoneità fisica;
  • non aver riportato condanna penale anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente la detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l'appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata, ex D. Lgs. n. 77/2002.
Non possono presentare domanda i/le giovani che:
  • già prestano o abbiano svolto attività di Servizio civile nazionale o regionale in Toscana o in altra regione, ovvero che abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, a eccezione di coloro che hanno cessato il servizio per malattia, secondo quanto previsto dall'art. 11, comma 3 della L.R. n. 35/2006;
  • abbiano avuto nell'ultimo anno e per almeno sei mesi con l'ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo.
Può essere presentata una sola domanda per uno dei progetti finanziati, pena l'esclusione di tutte le domande presentate.
La domanda deve essere presentata direttamente all'ente titolare del progetto prescelto. La durata del servizio civile regionale è pari a 12 mesi. Ai/ giovani in servizio è corrisposto direttamente dalla Regione Toscana un assegno mensile di natura non retributiva pari a 433,80 euro.
Le valutazioni dei/lle giovani che hanno presentato domanda saranno effettuate direttamente dall'ente titolare del progetto, che stabilirà tempi e modalità di selezione, dandone informazioni ai/lle candidati/e.
Per maggiori informazioni, si rimanda al sito della Regione Toscana.

2. APPROVATO L'AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI SOSTEGNO ALL'AUTOIMPRENDITORIALITÀ NELL'AMBITO DI «GARANZIA GIOVANI»: SCADENZA AL 18 MAGGIO 2015
Con il decreto dirigenziale n. 1343 del 20.03.2015, è stato approvato l'avviso pubblico per il finanziamento di progetti di sostegno all'autoimprenditorialità dei giovani nell'ambito del programma Garanzia Giovani.
La scadenza dell'avviso è fissata per il 18 maggio 2015. Le risorse disponibili sono pari a 1.500.000 euro.
I/Le destinatari/e degli interventi devono essere residenti in Italia; avere un'età compresa tra i 18 e i 29 anni; non avere in corso nessun contratto di lavoro; non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori o universitari) o di formazione; avere aderito a Garanzia Giovani e aver fatto un primo colloquio presso il Centro per l'Impiego prescelto, con conseguente sottoscrizione del Patto di Attivazione.
Si precisa che il requisito anagrafico deve essere posseduto dal giovane al momento della registrazione al portale Garanzia Giovani e non all'avvio del progetto, mentre il requisito della non occupazione e del non inserimento in un percorso formativo deve essere mantenuto dal/la giovane durante tutto il percorso.
I soggetti ammessi alla presentazione dei progetti sono:
  • le agenzie formative accreditate ai sensi della D.G.R. n. 968/2007 e s.m.i.;
  • i poli di innovazione e gli incubatori di impresa aderenti alla Tecnorete costituita ai sensi della D.G.R. n. 227/2009 e n. 1166/2011, nonché gli incubatori accreditati con i decreti n. 5019/2010 e n. 2858/2011 e i poli riconosciuti e finanziati con i decreti n. 2859/2011 e n. 6351/2011;
  • le Università;
  • le Camere di commercio;
  • le associazioni di categoria;
  • le associazioni riconosciute di prestatori d'opera intellettuale;
  • le fondazioni/federazioni di emanazione degli ordini professionali.
Per maggiori informazioni, si rimanda all'indirizzo di posta elettronica autoimpiego@regione.toscana.it e all'avviso pubblico.

3. APPROVATI GLI «INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DELL'OFFERTA REGIONALE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE A.S.F. 2015-16»
Con la D.G.R. n. 502 del 07.04.2015, la Regione Toscana ha approvato gli "Indirizzi per la realizzazione dell'offerta regionale di istruzione e formazione professionale a.s.f. 2015-16".
Nella sezione "Normativa" del sito internet dell'Ufficio Politiche del Lavoro, è disponibile in formato elettronico il testo degli Indirizzi.

Logo del Centro per l'Impiego Notizie dai Servizi per l'Impiego - Offerte di lavoro:

1. E...STATE IN COMUNE 2015 A FUCECCHIO: ISCRIZIONI DAL 5 AL 15 MAGGIO
Il Comune di Fucecchio ripropone anche quest'anno il progetto di continuità educativa "E...state in Comune!", in svolgimento nei mesi da giugno a settembre.
Il progetto si concretizza in tirocini estivi rivolti ai ragazzi residenti nel Comune di Fucecchio, in età da 15 a 25 anni compiuti, iscritti a un ciclo di studi e che non svolgono attività lavorativa.
Il periodo di tirocinio è di 15 giorni per i minorenni e di 1 mese per i maggiorenni.
Il progetto prevede esperienze di tirocinio estivo e di attività educative in vari servizi comunali, come i servizi educativi, sociali, culturali, amministrativi, e nelle associazioni del territorio.
Alcuni posti verranno riservati a ragazzi che hanno preso parte a percorsi educativi individualizzati. Per gli altri posti verrà data priorità a chi, pur avendo effettuato l'iscrizione lo scorso anno, non ha potuto partecipare all'iniziativa e a chi partecipa quest'anno per la prima volta.
Il Comune mette a disposizione un rimborso spese.
Le domande di iscrizione vanno consegnate dalle ore 15 del 5 maggio alle ore 13 del 15 maggio 2015, presso l'InformaGiovani di Fucecchio, in piazza La Vergine, 21.
Per maggiori informazioni, ritiro e consegna dei moduli, si rimanda al portale comunale e ai recapiti del Centro InformaGiovani & Servizi per l'Impiego, tel. 0571/23331.

2. TORNA LA «BUSSOLA DEL LAVORO»: IL 26 E 27 MAGGIO 2015 AL CHIOSTRO DEGLI AGOSTINIANI DI EMPOLI
Il 26 e 27 maggio 2015, si tiene presso il Chiostro degli Agostinani, in via dei Neri, 15, a Empoli, la seconda edizione della "Bussola del lavoro", la fiera del lavoro che mette in contatto imprese e cittadini.
L'iniziativa ha come tema la ricerca del lavoro: responsabili delle risorse umane di importanti aziende del territorio ed esperti e professionisti dei Servizi per l'Impiego dell'Unione dei Comuni Circondario dell'Empolese Valdelsa e di agenzie di orientamento professionale, saranno a completa disposizione dei cittadini interessati per fornire informazioni, consulenza e offerte di lavoro.
La fiera è dedicata a coloro che non hanno rinunciato a realizzare il proprio progetto professionale, che vogliono capire come cercare con efficacia o come crearsi una nuova occasione di lavoro ed è realizzata in collaborazione con il Comune di Empoli.
In breve, sarà possibile fare il "tagliando" del proprio CV per renderlo efficace; incontrare agenzie per il lavoro al fine di valutare le offerte nei vari settori; confrontarsi con un consulente per apprendere come promuovere al meglio la propria professionalità, anche tramite networking e web; partecipare a seminari, incontri e laboratori di formazione; usufruire di prove pratiche di colloquio. L'iniziativa sarà aperta al pubblico dalle ore 10 alle ore 19.
La manifestazione, che si svolge con il patrocinio del Comune di Empoli e il sostegno di partner territoriali, è realizzata da ASEV, Consorzio CO&SO e Associazione OIR.

3. MODIFICATO IL REG. N. 47/R DELL'8 AGOSTO 2003 IN MATERIA DI TIROCINI
Sul BURT n. 19 del 08.04.2015, è stato pubblicato da pagina 3 a pagina 5 il DPGR 39/R del 31 marzo 2015, recante "Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 8 agosto 2003, n. 47/R (Regolamento di esecuzione della legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 "Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro"), in materia di tirocini".
Il regolamento è entrato in vigore il 23 aprile 2015. Di seguito, si dà conto delle principali modifiche:
  • divieto di attivare tirocini allargato ai casi di cassa integrazione guadagni ordinaria a zero ore e contratti di solidarietà difensivi;
  • possibilità di finanziamento diretto al tirocinante in caso di tirocini finanziati da soggetti pubblici o privati a totale partecipazione pubblica o per progetti di carattere prevalentemente sociale finanziati da soggetti privati in attuazione della recente modifica all'art. 17/ter/ della L.R. n. 32/2002;
  • nel caso di soggetti ospitanti senza dipendenti a tempo indeterminato (artigianato artistico, IAP e start-up) il tutore è il legale rappresentante;
  • il tutore non può affiancare più di 3 tirocinanti contemporaneamente;
  • il massimo di tirocini attivabili è ora calcolato "contemporaneamente" e non più annualmente;
  • l'eccezione all'obbligo di avere almeno un dipendente a tempo indeterminato è allargata anche agli imprenditori agricoli IAP e alle start-up innovative.

Notizie dalla Referente di Parita':

1. PER LE CELEBRAZIONI DELLA LIBERAZIONE D'ITALIA, «TANTE FACCE NELLA MEMORIA» IN SCENA A REGINA COELI
Il 25 aprile, in occasione delle celebrazioni per il 70esimo anniversario della Liberazione d'Italia, il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha scelto di portare nel carcere di Regina Coeli lo spettacolo teatrale Tante Facce nella Memoria, tratto dal libro di Alessandro Portelli L'ordine è già stato eseguito, in cui si racconta il drammatico eccidio delle Fosse Ardeatine.
«Abbiamo scelto di festeggiare il giorno del 25 aprile nel carcere di Regina Coeli di Roma e non è stata una scelta casuale. Questo carcere può essere considerato un monumento della lotta della Resistenza. Qui vennero infatti rinchiusi tanti italiani rei solo di aver dissentito con il regime nazifascista: tra gli altri Sandro Pertini e Giuseppe Saragat, che rimasero detenuti per quasi un anno prima di riuscire ad evadere insieme il 24 settembre 1944, scampando ad una condanna a morte senza processo», commenta Giovanna Martelli, delegata del Presidente del Consiglio per le Pari Opportunità, che ha voluto fortemente questa iniziativa.
Lo spettacolo, a cura di Mia Benedetta e Francesca Comencini, ripercorre attraverso gli occhi di sei protagoniste femminili, Ada Pignotti, Vera Simoni, Carla Capponi , Marisa Musu, Lucia Ottobrini e Gabriella Polliili, la grande tragedia cui persero la vita 335 civili e militari italiani:
«La rappresentazione della Comencini descrive in modo veramente originale il ruolo della donna in quel difficile momento storico della Resistenza e anche questo è per tutti un grande insegnamento», conclude Martelli.

Logo del Fondo sociale europeo
Logo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Logo del Regione Toscana
Logo del Fondo Sociale Europer Programma Operativo Regione Toscana
Valid XHTML 1.1! Valid CSS!