Newsletter n. 6/2009

Notizie, informazioni e aggiornamenti sull'attività dei settori Istruzione, Formazione e Lavoro del Circondario Empolese Valdelsa

Supplemento al n. 33 del periodico "Circondario Eventi" - Reg. Trib. di Firenze n. 5114 del 29.10.2001 - anno X.
Proprietario ed editore: Circondario Empolese Valdelsa - Piazza della Vittoria, 54 - 50053 Empoli (FI).
Direttore responsabile: Salvatore Lagaccia.
Fonte delle notizie: Amministrazioni Comunali.

"E' preferibile una società senza governo ma con molti giornali a una con un governo ma senza giornali" - Thomas Jefferson

Archivio Newsletters

Newsletter n. 6 - Giugno 2009


Notizie dall'Ufficio Istruzione:

1. AVVIATA LA SPERIMENTAZIONE DEL COMODATO GRATUITO DEI LIBRI DI TESTO PRESSO L'ISTITUTO "IL PONTORMO" DI EMPOLI.
Il Liceo "Il Pontormo" attuerà per il prossimo anno scolastico il progetto regionale di comodato gratuito dei libri di testo.
Tale opportunità è destinata a 22 studenti delle classi seconde e 22 studenti delle classi terze, selezionati in base alla media dei voti riportati in sede di scrutinio del secondo quadrimestre.
Tutte le modalità di funzionamento dell'iniziativa, attuata con fondi regionali e con il contributo dell'Istituto stesso, saranno comunicate dall'Istituto alle famiglie con una nota esplicativa da consegnare all'atto dell'iscrizione.

2. TRASLOCO DEL SETTORE ISTRUZIONE ED EDUCAZIONE DELLA REGIONE TOSCANA.
A partire dal mese di giugno, gli uffici del Settore Istruzione ed Educazione della Regione Toscana sono stati trasferiti in Via L. Giordano n. 13 - Firenze.

3. NUOVI BANDI REGIONALI PER I SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA PER L'ANNO EDUCATIVO 2009-2010.
La Regione Toscana ha pubblicato in questi giorni tre nuovi bandi finalizzati all'ampliamento della rete dei servizi educativi per la prima infanzia (asili nido e servizi integrativi), ed alla riduzione delle liste di attesa:
  • il primo (D.D. n. 2680/2009) prevede l'erogazione di contributi in conto gestione, in favore di soggetti pubblici e privati accreditati, finalizzati all'apertura per l'a.e. 2009-2010 di nuovi nidi d'infanzia, centri gioco educativi e centri bambini e genitori, e alla realizzazione di "sezioni aggiuntive" in nidi d'infanzia o centri gioco educativi già attivi;
  • il secondo (D.D. n. 2681/2009) prevede l'erogazione di voucher di conciliazione (50% della spesa sostenuta nell'a.e. 2009-2010 fino ad un massimo di 3.000 euro) in favore delle famiglie i cui bambini sono stati inseriti nelle liste di attesa per i servizi per la prima infanzia comunali e che decidono di iscrivere gli stessi in servizi privati accreditati;
  • il terzo (D.D. n. 2682/2009) si rivolge ai soggetti pubblici e privati e prevede l'erogazione di contributi in conto gestione finalizzati all'apertura per l'anno educativo 2009-2010 di nuovi servizi per la prima infanzia nei luoghi di lavoro.
I bandi sono reperibili nella sezione Istruzione del sito della Regione Toscana.

Notizie dall'Ufficio Formazione:

1. APPROVATA LA GRADUATORIA DEI VOUCHER LEGGE N. 236/93 SCADENZA DEL 08.05.2009.
Con determinazione n. 225 del 22.06.2009, è stata approvata la graduatoria dei voucher presentati al Circondario Empolese Valdelsa a valere sul Bando Regionale Legge. n. 236/93 per Voucher formativi individuali, scadenza dell’08.05.2009. La graduatoria sarà consultabile nei prossimi giorni nella sezione Formazione del sito del Circondario.

2. APPROVATO IL PIANO REGIONALE DI CORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (I.F.T.S.) PER L'ANNO 2009, SCADENZA DEL 02.03.2009.
Con deliberazione di Giunta Regionale n. 487/2009 è stato approvato il Piano Regionale dei corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) per l’anno 2009, di cui all’Allegato A) contenente l’indicazione dei singoli progetti IFTS ammessi, finanziati interamente con i fondi FSE della Regione Toscana. Si tratta di 22 corsi della durata di 800 ore ciascuno, con inizio nel mese di settembre. Alcuni corsi prevedono un periodo di stage all'estero.
La graduatoria completa è consultabile nella sezione Istruzione della sito della Regione.
I progetti approvati per il Circondario Empolese Valdelsa sono i seguenti:

  • Tecnico superiore per il disegno e la progettazione industriale;
  • Tecnico superiore per la ristorazione e la valorizzazione dei prodotti territoriali e delle produzioni tipiche.
Ulteriori informazioni sui corsi saranno reperibili prossimamente nella sezione Formazione del sito del Circondario o rivolgendosi direttamente all’Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa in via delle Fiascaie 12, Empoli, tel. 0571/76650.

3. PROSSIMA SCADENZA RILEVAZIONE TRIMESTRALE DELLE SPESE SUL NUOVO SISTEMA INFORMATIVO DELLA REGIONE TOSCANA.
In vista della prossima rilevazione trimestrale delle spese per i progetti finanziati F.S.E., si precisano le modalità da seguire per l'inserimento dei giustificativi di spesa nel nuovo Sistema Informativo della Regione Toscana.
La scadenza del II trimestre (aprile - giugno 2009) verrà utilizzata per pareggiare sul nuovo Sistema Informativo gli inserimenti delle spese effettuate, rispetto alle dichiarazioni cartacee.
Vista l'impegnativa dimensione del lavoro ed alcuni malfunzionamenti del Sistema Informativo che hanno provocato problemi nell'implementazione, la Regione ha stabilito che gli inserimenti potranno essere effettuati entro e non oltre il 20 luglio 2009.
Sarà successivamente la Regione, in qualità di amministratore del Sistema, ad allocare nei giusti trimestri di rilevazione i giustificativi inseriti.
Di conseguenza i giustificativi delle spese sostenute dovranno essere quietanzati e validati dagli enti attuatori, entro e non oltre il 20 Luglio 2009.
Si invitano pertanto gli enti attuatori ad inserire i giustificativi fino alla copertura delle spese dichiarate.

4. ATTIVITÀ D’INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ DEL POR FSE 2007–2013: DISPOSIZIONI E NUOVO FORMAT GRAFICO.
Al fine di una corretta attività di comunicazione delle azioni finanziate con il POR FSE Ob. 2 2007–2013, si ricorda agli enti attuatori di interventi finanziati, che la produzione informativa e pubblicitaria deve essere conforme alle disposizioni del Regolamento (CE) n. 1828/2006 (artt. 5-10), attraverso l’uso dei seguenti loghi sui materiali informativi a pubblicitari, nonché sui prodotti e documenti relativi ai progetti:
  • Unione Europea seguito dall’indicazione del FSE;
  • Ministero del Lavoro, della salute e delle politiche sociali – Direzione Generale per le Politiche per l’Orientamento e la Formazione;
  • Regione Toscana;
  • Organismo intermedio competente.
Considerata l’importanza di un’uniforme e immediata percezione dei contenuti della comunicazione verso tutti i fruitori, è stato creato dalla Regione Toscana un apposito logo identificativo delle attività finanziate con il POR FSE 2007-2013, con relativo manuale d’uso, che dovrà essere utilizzato dai soggetti attuatori su tutti i prodotti ed i materiali informativi realizzati. Tale logo non sostituisce i tre loghi obbligatori sopra indicati, ma si aggiunge ad essi, nonché a quelli, eventuali, dell’Organismo finanziatore e del soggetto attuatore del progetto.
Di seguito si riportano le principali prescrizioni regionali:
  • il logo del POR FSE deve essere presente su tutti i prodotti /materiali informativi insieme ai quattro loghi obbligatori;
  • deve essere inoltre presente il concept “Investiamo nel vostro futuro” con l’eventuale aggiunta della frase “Cresce l’Europa. Cresce la Toscana”, eccetto nei casi in cui le dimensioni del materiale non lo consentano;
  • sia il logo del POR FSE, che il concept sopra richiamato, possono essere collocati in una posizione a scelta, purchè ben evidenti e leggibili;
  • i tre loghi obbligatori devono mantenere la medesima sequenza e proporzione ed essere collocati in modo ben visibile;
  • nel caso di pubblicazioni di volumi, i tre loghi obbligatori possono essere collocati sulla copertina o nel retrocopertina; occorre inoltre riportare la frase “la presente pubblicazione è stata realizzata con il contributo del del POR FSE 2007–2013 della Regione Toscana”, preferibilmente nel retrocopertina;
  • il logo del Circondario Empolese Valdelsa e quello del soggetto attuatore devono, preferibilmente seguire i tre loghi obbligatori.
Gli enti attuatori sono tenuti quindi ad utilizzare i loghi e le regole indicate e a informare in modo chiaro i destinatari che i progetti beneficiano del finanziamento del POR FSE. In qualsiasi documento riguardante i progetti, compresi i certificati di frequenza o altri certificati, dovrà figurare una dichiarazione da cui risulta che il programma operativo è stato cofinanziato dall’FSE.

5. MODIFICHE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE E L’IMPLEMENTAZIONE DEL REPERTORIO DEI PROFILI PROFESSIONALI.
Con la D.G.R. n. 159 del 09.03.2009, la Regione Toscana ha approvato delle modifiche sostanziali al “Disciplinare per la gestione e l’implementazione del repertorio regionale dei profili professionali”, in considerazione delle disposizioni relative al diritto-dovere contenute nella D.G.R. n. 979/2008.
Con successivo decreto n. 1661 del 20.04.2009, la Regione Toscana ha adottato la tabella dei profili professionali di II livello ed il modello di supplemento al diploma di qualifica professionale.
Di seguito le principali novità della normativa citata.
Requisiti di accesso ai corsi e durata dei percorsi formativi:
  • possono accedere ai percorsi di qualifica di II livello coloro che hanno adempiuto all’obbligo d’istruzione e sono in possesso della certificazione delle competenze di base a norma del decreto del MPI n. 139/2007. Coloro che hanno adempiuto l’obbligo d’istruzione, ma non sono in possesso della certificazione delle competenze, possono accedere ai percorsi formativi, previa acquisizione delle stesse, mediante la frequenza di percorsi “di messa a livello” anche individuali;
  • il possesso di esperienza lavorativa nel settore può essere valorizzato solo a completamento di titoli o qualifiche professionali. Nel caso di profili di II livello, possono accedervi le persone che hanno assolto l’obbligo di istruzione con licenza elementare e che hanno un’esperienza lavorativa di almeno 3 anni;
  • lo standard minimo di durata dei percorsi di II livello è portato a 900 ore, fatta eccezione per i profili normati da legge (come ad es. estetista o parrucchiere) e per quelli che prevedono uno standard minimo inferiore alle 900 ore.
Relativamente ai profili professionali di II livello, si è stabilito che le 19 figure professionali previste a livello nazionale, corrispondono a 55 qualifiche professionali del sistema toscano. Nel caso di rilascio di tali qualifiche, i beneficiari dovranno pertanto ricevere anche la certificazione supplementare.
Conseguentemente, i percorsi approvati prima della D.G.R. n. 159/2009 dovranno fare riferimento ai profili, così come contenuti nel Repertorio Regionale dei Profili Professionali. Viceversa i percorsi progettati e approvati dopo l’entrata in vigore della deliberazione di cui sopra, dovranno rispettare gli standard ivi contenuti e nell’attestato rilasciato al termine del percorso dovrà essere indicato lo standard di 900 ore di durata e nelle note dovrà essere citata la deliberazione che ha introdotto tali modifiche.
I percorsi relativi al terzo anno professionalizzante non dovranno trasmettere le competenze di base, il cui possesso costituisce requisito d’ingresso, ma quelle relative ai profili professionali prescelti e non ricomprese nel decreto 139/2007 (es. sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, privacy, imprenditorialità…).
I percorsi normati da legge (es. estetista) mantengono l’originario monte ore. Tuttavia costituendo il possesso delle competenze di base requisito d’ingresso per l’anno professionalizzante, il monte ore complessivo dovrà essere ridotto per le ore corrispondenti alle competenze di base certificate.

6. AVVISO REGIONALE PER L’ASSEGNAZIONE DI VOUCHER FORMATIVI A VALERE SULL’ASSE IV PER IL FINANZIAMENTO DI MASTER E DOTTORATI DI RICERCA IN ITALIA E ALL’ESTERO.
Con decreto n. 2802 del 9.06.2009, la Regione Toscana ha approvato l'avviso pubblico per il finanziamento di voucher di alta formazione. I voucher finanziano le spese di iscrizione a master e dottorati di ricerca.
Sono previste due azioni:
  • azione A rivolta agli occupati, ivi inclusi gli atipici, per cui sono messi a disposizione euro 500.000;
  • azione B, rivolta ai disoccupati e inoccupati, per cui sono messi a disposizione euro 500.000.
Il decreto è pubblicato sul BURT del giorno 23.06.2009. La scadenza per la presentazione delle domande è posta alle ore 13 del 23.07.2009.
Per informazioni rivolgersi a: altaformazioneuniversitaria@regione.toscana.it

Notizie dall'Ufficio Politiche del Lavoro:

1. AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI AIUTI A FAVORE DI IMPRESE PER L’ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI PERSONE NON OCCUPATE E PER LA STABILIZZAZIONE DI PERSONE CON CONTRATTI DI LAVORO ATIPICO: MODIFICA BANDO E PROSSIMA SCADENZA DEL 30 GIUGNO.
Si ricorda che la prossima scadenza relativa al Bando P.O.R. Ob. 2 per gli anni 2007-2013 per la concessione di aiuti a favore di imprese per l’assunzione a tempo indeterminato di persone non occupate e per la stabilizzazione di lavoratori atipici, a valere sugli Assi I, II e III, è il 30.06.2009.
Le risorse disponibili per l’anno 2009, dopo la precedente scadenza, sono così suddivise:
  • Asse I – Adattabilità: € 91.000,00
  • Asse II – Occupabilità: € 30.000,00
  • Asse III – Inclusione Sociale: € 5.500,00
Possono fare domanda di finanziamento le imprese con sede legale o almeno un'unità produttività nel Circondario Empolese Valdelsa.
Si comunica inoltre che con determinazione n. 181 del 25.05.09, il Bando è stato modificato in alcune sue parti.
Per maggiori informazioni è possibile consultare bando e modulistica nella sezione Lavoro del sito del Circondario.
Le informazioni relative al bando possono essere richieste all’indirizzo e-mail: lavoro@empolese-valdelsa.it. Le domande e le relative risposte saranno condivise nella sezione F.A.Q. sui bandi del sito del Circondario.

2. ANNO PROFESSIONALIZZANTE 2009-2010: APPROVAZIONE AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE.
Con il decreto n. 2544 del 21.05.2009 la Regione Toscana ha approvato l'Avviso pubblico per la realizzazione di progetti formativi finalizzati alla realizzazione di corsi di Formazione professionale per l'anno 2009-2010 e l'anno 2010-11. I progetti sono destinati all'assolvimento del diritto-dovere all'istruzione e formazione professionale, attraverso percorsi triennali di istruzione e formazione finalizzati al conseguimento di una qualifica di II livello europeo. L'anno formativo 2009-2010 si presenta come transitorio, pertanto si prevede la sola organizzazione dell'anno professionalizzante.
Coloro che presenteranno progetti per la scadenza del 30.11.2009 (anno professionalizzante 2010-2011), dovranno invece indicare, come parti essenziali del progetto, le attività collegate al biennio della scuola secondaria superiore, previste dalla D.G.R. n. 979/2008.
I progetti devono essere proposti alternativamente da:
  • almeno una scuola accreditata secondo il sistema regionale toscano, anche in collaborazione con agenzie formative accreditate ed eventualmente con altre scuole
  • da un'agenzia formativa accreditata secondo il sistema regionale toscano, anche in collaborazione con una scuola o reti di scuole;
  • da una scuola non accreditata, purché in collaborazione con almeno un'agenzia formativa accreditata, secondo il sistema regionale toscano, o con un'altra scuola accreditata o reti di scuole di cui almeno una accreditata.
Possono partecipare tutti gli Istituti Scolastici che abbiano inoltrato domanda di accreditamento ai sensi del decreto n. 5880/2008, salvo verifica degli esiti.
Si precisa che, per mero errore materiale, all'art. 12 del bando era stata indicata la scadenza del 15 giugno anziché quella corretta del 30. Tale scadenza è stata in ogni caso prorogata al 31.07.2009.
I progetti dovranno pertanto essere presentati al Circondario Empolese Valdelsa, Ufficio Protocollo, Piazza della Vittoria, 54, Empoli, entro le ore 13.00 del 31.07.2009 (non fa fede il timbro postale). Il bando ed il relativo formulario è disponibile nella sezione Lavoro del sito del Circondario.

3. LINEE GUIDA PER LA MESSA A LIVELLO E APPROVAZIONE DEL MODELLO PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE DI BASE.
Con decreto n. 2441 del 25.05.2009 sono state approvate dalla Regione Toscana le linee guida per la "messa a livello". Il percorso di "messa a livello" consiste nel recupero delle competenze di base (decreto del MPI n. 139/2007) non possedute da coloro che al termine del percorso decennale per l'assolvimento dell'obbligo di istruzione, intendano partecipare all'anno professionalizzante. Il percorso di messa a livello potrà quindi essere effettuato al termine del percorso decennale per l'assolvimento dell'obbligo di istruzione. I destinatari sono i ragazzi e le ragazze che abbiano già acquisito almeno la licenza media. Le attuali linee guida regionali sono relative alla messa a livello di coloro che intendono partecipare ai percorsi annuali professionalizzanti con inizio entro il 30 novembre 2009.
Per tutti coloro che alla data del 31 maggio 2009, essendo usciti dal sistema dell’istruzione, risultano invece in carico ai Centri per l'Impiego, i percorsi di messa a livello consentiranno l'accesso all'anno professionalizzante per l'acquisizione di qualifiche professionali spendibili in contesti lavorativi, oppure saranno finalizzati al rientro nel sistema dell'istruzione.
Con decreto n. 1661/2009, la Regione Toscana ha approvato il format che gli istituti secondari di II grado dovranno utilizzare per il rilascio della certificazione delle competenze di base. Il modello sarà utilizzato per la sola fase intermedia tra la fine dell'a.s. 2008-2009 e l'avvio del primo dei percorsi annuali di formazione, conclusivi del triennio integrato di istruzione e formazione professionale, previsti a partire da settembre 2009. La certificazione verrà rilasciata a domanda. Sono pertanto invitati a presentare domanda i giovani che abbiamo già frequentato 10 anni di scuola al termine dell'a.s. 2008-2009 e che sono interessati all'adempimento del diritto-dovere all'istruzione e formazione professionale attraverso la frequenza di percorsi annuali di formazione. I ragazzi con le caratteristiche sopraindicate dovranno chiedere alle scuole cui erano iscritti nel 2008-2009 la certificazione dei saperi e delle competenze previste dal Decreto MPI n. 139/2007. La richiesta dovrà essere presentata a giugno (promossi o meno) o a settembre (dopo il percorso di recupero organizzato dalla scuola).
Il format per la richiesta di certificazione delle competenze è disponibile in formato elettronico nella sezione Lavoro del sito del Circondario.

4. APPRENDISTATO UN SISTEMA PLURALE. X RAPPORTO DI MONITORAGGIO. ANNUALITÀ 2006-2007 E 2007-2008.
Il volume è l'esito di un'analisi svolta dall'Isfol su rapporti di monitoraggio presentati dalle Regioni nel corso del 2007 e del 2008.
I dati quantitativi si basano sui volumi di occupazione rilevati nelle annualità 2006 e 2007, le informazioni qualitative descrivono l'evoluzione dei sistemi territoriali in relazione alla regolamentazione e all'offerta formativa pubblica. Il Monitoraggio è consultabile sul sito di Europalavoro

Logo del Centro per l'Impiego Notizie dai Servizi per l'Impiego - Offerte di lavoro:

1. COLLOCAMENTO MIRATO.
La provincia di Firenze ha pubblicato una selezione pubblica per titoli e prova pratico-operativa per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di n. 2 unità lavorative, in categoria B posizione economica B1 profilo “ausiliario tecnico”, riservata alla categoria dei disabili ai sensi dell'art. 11 della legge 68/99.
La scadenza per la presentazione della domanda è prevista per il 20 Luglio 2009. Il bando integrale è disponibile sul sito della Provincia di Firenze.

2. SEMINARI ORIENTATIVI PER STRANIERI SUI SERVIZI DEL CENTRO PER L’IMPIEGO.
Continuano i seminari orientativi finalizzati ad informare gli iscritti stranieri sui servizi erogati dai Centri per l’impiego. I seminari hanno la durata di 2 ore, dalle 9.00 alle 11.00 e si svolgono alla presenza di una mediatrice culturale.
Il calendario dei seminari previsto per il mese di luglio è il seguente:
  • giovedì 9 luglio: nazionalità rumena e moldava
  • venerdì 17 luglio: nazionalità algerina, egiziana, libanese, marocchina, sahrawi, tunisina.
Per ulteriori informazioni ed iscrizioni contattare il servizio Accoglienza del Centro per l'Impiego di Empoli.

3. LA REGIONE SI ACCOLLA IL BOLLO SULLE DOMANDE DI CONTRIBUTO.
E’ stato abolito dalla Giunta Regionale il bollo di € 14,62 da applicare sulle domande per i € 1650 euro di contributo una tantum, approvato nel marzo scorso, a sostegno del reddito dei lavoratori in stato di disoccupazione da almeno tre mesi e privi di ammortizzatori sociali (Cassa Integrazione in ogni sua forma, Indennità di mobilità, sussidio di disoccupazione sia ordinaria che speciale, lavoratori precari e quelli con contratti atipici).
Al momento non si tratta di una vera e propria cancellazione, quanto piuttosto di una presa in carico delle casse regionali, ovvero del fondo di 5 milioni di euro stanziati per l'occasione. L'assessore Simoncini ha fatto tuttavia uno specifico quesito alla Direzione Toscana dell'Agenzia delle entrate per sapere se l'intervento regionale possa rientrare tra quelli configurabili come sussidio a carattere assistenziale, esenti per legge da qualsiasi imposta di bollo, in quanto indirizzati non alla generalità dei lavoratori, ma soltanto a soggetti con specifiche condizioni di disagio economico e in forma straordinaria.

Notizie dalla Referente di Parita':

1. DONNE AVVOCATO, IMPEGNO PER UN'EFFETTIVA PARITÀ: DUE LEGGI REGIONALI PER UNA FORTE ATTENZIONE ALLE PROFESSIONI.
In Italia, secondo i dati della Cassa Forense ci sono 143 mila avvocati, di cui 57 mila sono donne, eppure la presenza delle donne è ancora molto limitata nelle istituzioni dell'avvocatura (su 165 organismi dell'Ordine solo 7 donne rivestono la carica di presidente) e sono ancora sensibili i differenziali di reddito tra i due generi. Situazioni comuni non solo alle professioni legali, ma più in generale all'intero mondo delle professioni. L'Italia è considerata dall’Europa, uno degli ultimi paesi ad avere una politica di pari opportunità. Per questo motivo la Regione Toscana ha elaborato una proposta di legge sulla cittadinanza di genere, in via di approvazione da parte del consiglio regionale, con cui dare una risposta complessiva, trasversale a tutte le politiche regionali, con una forte attenzione anche al mondo delle professioni.
Un'altra legge, quella sulle professioni, è invece già stata approvata e a breve sarà pronto anche il regolamento attuativo. La legge prevede prestiti da tremila euro per i tirocinanti fino a trent'anni e di 9 mila per giovani professionisti fino a quaranta, oltre ad aiuti per le donne che saranno individuati nel regolamento. Si tratta di un provvedimento che aiuterà la mobilità sociale, finora troppo bassa, e favorirà un maggiore dinamismo nella società. La legge cercherà inoltre di colmare il gap di un rapporto diretto, sempre mancato, tra Regione Toscana e mondo delle professioni.
Per quanto riguarda la professione forense, il Governo regionale sta inoltre portando avanti importanti iniziative, come ad esempio l'impegno per la realizzazione di cancellerie telematiche in tutti i tribunali toscani. Si tratta di un progetto di grande innovazione tecnologica a vantaggio di tutti gli utenti e in particolare delle donne avvocato che potranno così migliorare le possibilità di conciliare tempi di vita e tempi di lavoro.

Logo del Fondo sociale europeo
Logo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Logo del Regione Toscana
Logo del Fondo Sociale Europer Programma Operativo Regione Toscana
Valid XHTML 1.1! Valid CSS!